+39 328 7163715

+39 329 0583091


LECCE

Lecce,è il centro culturale più vasto della penisola salentina,definita la Firenze del sud per la sua per la presenza di monumenti splendidamente barocchi.

La penisola salentina è chiamata la terra fra i due mari e Lecce dista dalla costa adriatica circa 15 km mentre dalla costa ionica circa 23 km.

Conta circa 95,000 abitanti,ed è una citta che si è sviluppata principalmente nel settore dell'agricoltura,ceramica,carta pesta e del turismo culturale grazie all'arte barocca lavorata con la famosissima pietra leccese.

La città di Lecce nell'anno 2010 è stata definita l'unica città d'Italia da visitare,inserita nel " Best Travel 2010"insieme ad altre città definite le più belle del mondo.


Cenni storici di Lecce


Centro messapico,quindi municipio romano appartenente alla tribù Camilia,Lecce (Lupiae)ebbe il suo periodo di prosperità in età imperiale.Sotto la guida di Marco Aurelio Lupiae conobbe un periodo di grande magnificenza,che in epoca adrianea venne arricchita con delle opere come l'anfiteatro,il teatro decorato da rozzi rilievi venatori,e le terme collegate al porto di Adriano(San Cataldo)

Decaduta rapidamente e rimasta per lungo tempo oscurata dalla potente Otranto,la città riprese a rifiorire con la conquista normanna,divenendo capoluogo di Contea.In seguido fù feudo di Manfredi e con gli Angioini,della casata dei duchi di Atene e poi della famiglia di ENGHIEN.

Nel 1734, dopo un breve dominio austriaco, a seguito del pericolo di una restaurazione spagnola, prende il potere la nobiltà. Nell'Ottocento si ha una notevole attività edilizia ed artistica e la soppressione degli ordini religiosi, voluta da Napoleone, che causarono la perdita del centro culturale della città. Vengono creati nuovi quartieri di vario gusto: neoclassico, neomoresco e neogotico.

Poche le testimonianze medievali e rinascimentali.La caratteristica principale della città è data dal Barocco che ebbe inizio nella metà del 16° secolo e proseguì fino al 18° secolo,a Lecce l'edilizia si indirizzò al sacro,grazie alla committenza di conventi e ordini religiosi prosperarono i cantieri attorno al quale si muoveva uno stuolo di artigiani e decoratori ed essa si trasformò in una sorta di città-chiesa il cui stile architettonico rivela l'influsso del barocco romano  e sopratutto di quello spagnolo,tra gli edifici più importanti eretti nel 16° secol sono la Chiesa di Santa Croce di Gesù di Santa Irene e di Santa Maria delle Grazie  il duomo il palazzo vescovile ed il seminario.Tra la fine del 17°secolo furono inoltre costruite o completate le chiese di San Matteo,Di S.Angelo,di Rosario e del Carmine.

Tra i Palazzi sono ancora da ricordare quello della prefettura e del Sedile,in piazza Sant'Oronzo dove sorge la colonna votiva al medesimo santo,divenuto protettore della città nel 1656 dopo che una epidemia di peste colpì la città, Le vittime furono migliaia e la tradizione religiosa narra che, dopo tanta attesa, avvenne un miracolo per intercessione di Sant'Oronzo.

 

 


Info generali di Lecce


Il territorio su cui sorge Lecce è pianeggiante e prende il nome di tacoliere di Lecce,perchè vasto ed uniforme bassopiano del Salento.

Il clima del capoluogo è tipicamente mediterraneo.I mesi più freddi sono gennaio-febbraio con minime che vanno sotto lo zero.Mentre vi è caldo afosto d'estate con temperature che possono superare i 40°c.

La città è ben collegata si può raggiungere facilmente in aereo facendo scalo all'aereoporto internazionale della città di Brindisi a 35 km.

Oppure in Treno alla stazione centrale di Lecce con le ferrovie dello Stato.



COME ARRIVARE:


AUTO:

Percorre l'autostrada fino a Bari,seguendo poi per la SS16,SS379 ed SS 613 sino a raggiungere Lecce.

AEREO:

Lecce è facilmente raggiungibile in aereo,facendo scalo all'aereoporto internazionale di Brindisi a circa 35 km dal capoluogo Salentino,raggiungendo così la città con servizio navetta o con la linea di autobus.FSE -STP.

TRENO:

Si raggiunge direttamente la stazione centrale di  Lecce con le ferrovie dello Stato .



.

Immobili in vendita

.
.